FOGGIA
21/11/04

POTENZA
12/12/04


EDITORIALE

REGOLAMENTO

Home

Federazione
Arrampicata
Sportiva
Italiana

L'AQUILA
06/02/05

PENNE
27/02/05


CLASSIFICHE

INTERVISTE

Trofeo della Transumanza

1° Trofeo della TRANSUMANZA

Circuito di gare di BOULDER nelle terre di:  Basilicata,   Puglia,  Abruzzo.

Sulle orme dei pastori nomadi di un tempo, scavando nelle leggende e nelle antiche tradizioni popolari del sud. Un pezzo di cultura che affiora dalla memoria.

FASI Promozione e Sviluppo Centro-Sud 

Responsabile: Aristo Aloi

tratta da Pastori in valcamonica

Certo l’Arrampicata un po’ ci ha abituato a frequentare gente sempre e soltanto con un chiodo fisso in testa….e la nostra vita, condotta sempre maledettamente di fretta, spesso c’impedisce di soffermarci… piano…. a sentire quanto sia sottile il suono del vento che soffia tra l’erba, o profumato l’odore della terra bagnata dopo la pioggia, o come sia bello passare la notte attorno ad un fuoco a mangiare prodotti  semplici e genuini….

tratta da Pastori in valcamonica

E così, quando meno te lo aspetti, ti trovi a fantasticare, con un libro in mano, tra storia e tradizioni della tua terra ed all’improvviso cominci a pensare come possa essere importante per i nostri giovani atleti globalizzati, sempre con un cellulare in mano, ed un motorino sotto il sedere, scoprire che appena una frazione di tempo fa c’erano persone che usavano il fumo per comunicare, le proprie gambe per viaggiare, l’acqua delle pozzanghere per bere, la legna da ardere per scaldarsi, e la natura per distrarsi… sembra un millennio fa eppure era ieri……..

 

tratta da Pastori in valcamonica

Con il 1° Trofeo della TRANSUMANZA vogliamo portare i nostri ragazzi a compiere, arrampicando, un viaggio nella propria storia, cosa ci può essere di più istruttivo che ricordare le proprie origini, giocando?

E con gli amici dell’Aquila, di Penne, di Potenza, apparentemente divisi e lontani, cosa ci può essere di più simpatico ed amichevole che organizzare un circuito di gare all’insegna di una passata tradizione che ci ha tenuto collegati per centinaia di anni?

 

Il mondo dell’arrampicata al sud in questi ultimi tempi sta subendo un’evoluzione accelerata, l’arrampicare in artificiale che soltanto 4-5 anni fa era considerato un ripiego barboso al cattivo tempo, con l’arrampicata di boulder ha raggiunto una dignità propria, ed il nostro arrampicatore del sud, nomade e schivo come i suoi antenati di un tempo, che passava di falesia in falesia, è rimasto conquistato da questa ventata di novità.

 

Tra sport e Tradizione

tratta da Pastori in valcamonica

Così è nata questa idea, il successo delle altre gare organizzate nel recente passato, ci ha invogliati ad insistere, e siamo certi, quindi, di divertirci come al solito.

Le tappe ricalcheranno le zone della tradizione, e ciascun circolo locale ci parlerà di un pezzo di storia vissuta. i premi di tappa saranno a base delle specialità gastronomiche locali, una festicciola mangereccia con i prodotti tipici del luogo chiuderà ciascuna delle 4 tappe, i trofei finali ricalcheranno in maniera speciale le leggende della TRANSUMANZA.

La FASI

La Fasi è lieta di questo nuovo fermento sportivo che piano piano sta pervadendo tutto il sud, e vede con piacere che sempre di più i giovani al meridione si accostano all’arrampicata. L’esempio di alcuni atleti foggiani, diventati famosi, sicuramente ha galvanizzato tutto l’ambiente sportivo, ma anche la formazione di tanti nuovi istruttori ha contribuito a quest’importante cambio di mentalità.

tratta da Pastori in valcamonica<vuoto>

tratta da Pastori in valcamonica

Ed ora questa ulteriore spinta organizzativa, ci impegna e ci piace per l’entusiasmo con cui i presidenti hanno risposto, e per le capacità dimostrate.

La Fasi non vede altra strada per lo sviluppo che non passi per la promozione giovanile. Senza dubbio constatare l’esistenza di tanti “vecchi” così forti, non può che far piacere per il livello tecnico così alto, e per il potenziale di sviluppo che ne potrebbe conseguire per tutto il centro-sud, e vorrei considerare con i più restii, che tirar su dei giovani, e vedersi superare, non è poi la fine del mondo, come un po’ egoisticamente si potrebbe pensare, ma è, sicuramente, un pizzico di noi che un giorno potrebbe salire sui più alti podi Italiani, e la soddisfazione allora sarà grande, ve lo dice con tranquillità uno che queste cose, per una pura bizzarria del fato, le ha vissute intensamente.

 

Aristo Aloi

foto tratte dal libro "Pastori di Valcamonica" di Mario Berruti http://www.cigv.it/gallery/Pastori


WeBmastro info@rocciaeresina.it